Archivio per la categoria ‘Senza categoria

“LA TUA PAROLA E’ IL MIO CONFORTO NELLA MIA AFFLIZIONE; ESSA MI VIVIFICA” ( Salmo 119:50 )   Leave a comment

donna367

La presenza di Dio nella sofferenza

di ADOLFHE HUNZIKER

Un fanciullo ammalato ha bisogno della presenza della

mamma accanto a sè. Tutti ci ricordiamo di quand’eravamo

fanciulli e, costretti a una prolungata immobilità nel nostro

lettuccio, d’esserci improvvisamente destati, dopo un lungo

stato di sopore, e d’aver detto, con un senso di paura nella

nostra debole voce: “ Mamma, mamma! Sei qui?” La

semplice presenza della mamma bastava a ridarci la pace.

Una madre non si rifiuta mai di accorrere al capezzale del

figlio, quando questi ha bisogno di lei.

Spesso, nel mio ministero, sono stato testimone di quel che

può valere per un ammalato, ma anche per un uomo vigoroso

e sano, quando l’afflizione lo abbia colpito, il semplice tocco

di una mano amica, il segno concreto di una presenza

fraterna. La solitudine, infatti, è come una prova nella prova,

che accresce il tormento della sofferenza. Ma proprio in quei

momenti, lo abbiamo detto, il Signore Iddio si rivela con

maggior potenza. Quand’eravamo stanchi, sconfortanti,

senza risorse, sul punto di far naufragio come i discepoli sul

mare in burrasca, Gesù, come allora, ci ha subito

raggiunti.Abbiamo udite le sue parole: ” State di buon animo,

sono io, non temete!” ( Marco 6:50 ). No, Dio non è lungi da

noi. Si chiama “Emmanuele”, il che significa “ Dio con noi”. La

sua solenne promessa non è nuova,essa giunge a noi dai

tempi antichi: Così parla l’Altissimo che abita l’eternità, e

che ha un nome santo: Io dimoro nel luogo alto e santo, ma

sono con colui che è contrito ed umile di spirito” ( Isaia 57:15).

E questa promessa solenne, di rimanere con l’uomo

contrito e penitente, Gesù Cristo l’ha rinnovata, quando ha

proclamato ai suoi discepoli di tutte le epoche: “ Ecco, io

sono con voi tutti i giorni, fino alla fine dell’età

presente” ( Matteo 28:20 ). Egli è stato ed è sempre fedele!

Ora affermiamo meglio perché, proprio nell’afflizione, l’uomo

ricerca Dio. E questo avviene perché Dio lo ha cercato per

primo. Ha preso Egli stesso l’iniziativa dell’incontro con il

genere umano.

Come i due discepoli lungo la via di Emmaus, la sera della

prima Pasqua cristiana, così per noi la presenza di Dio nelle

nostre afflizioni ci rincuora e ci consola. Il suo amore non

permetterà che siamo provati al di là delle nostre forze ( I

Corinti 10:13 ). Nel giorno della prova, Egli ce ne libererà, o

ci darà la grazia di sostenerla: Vi darà anche la via di

uscirne, onde la possiate sopportare”, e questo perché egli è

buono, e la sua benignità dura in perpetuo” ( Salmo100:5 ). 

Qui siamo veramente al polo opposto del concetto che vede

in Dio un sovrano insensibile alle nostre miserie e alle nostre

afflizioni. La Bibbia dice che Dio è misericordioso, l’esperienza

ce lo conferma. Ora, “ misericordioso” significa “ colui che ha

un cuore sensibile alla miseria altrui”. La beatitudine

dell’Evangelo  è  chiara: beati i misericordiosi, coloro che

hanno un cuore sensibile alla miseria altrui. Invero, lettor

mio, nessuna delle tue afflizioni lascia indifferente il nostro

Padre celeste. A chi piange, non scrive egli queste parole:

Ho veduto le tue lacrime” ( Isaia 38:5 )? E queste: “ Mi

chiamo: colui che ti vede” ( Genesi 16:13 ).

Un cosa è indubitabile: nella nostra afflizione, Dio non ci

dimentica, ma pensa a noi! Ecco ancora alcune parole tratte

dalla sua lettera di simpatia, la Bibbia: Quand’anche i monti

s’allontanassero e le colline fossero rimosse, l’amor mio non

s’allontanerà da te” ( Isaia 54:10)

O Dio e Padre, davanti alla sofferenza umana tu non sei un

Dio indifferente e distratto. Tu conosci la nostra condizione e

la tua simpatia ci raggiunge. Ti ringrazio per la tua lettera, ne

ricevo del bene. Perché innumerevoli sventurati non vogliono

neppure aprirla? Io la leggerò e la rileggerò, il mio cuore ne

rievocherà i misericordiosi accenti: “ La tua Parola è il mio

conforto nella mia afflizione; essa mi vivifica” ( Salmo 119:50 )

 

Annunci

Pubblicato 19 aprile 2012 da annarellapelliccia in Senza categoria

GESU’ DISSE: OGNI POTESTA’ M’E’ STATA DATA IN CIELO E SULLA TERRA (Matteo 28:18)   2 comments

 

 

gesù40

 

 

IL POTERE APPARTIENE A DIO” . ( Salmo 62:11)

 

   Davide descrive la situazione del suo tempo. Il suo salmo

sembra un articolo scritto per La GAZZETTA di

Gerusalemme di allora ( o per Il MESSAGGERO di Roma

o La STAMPA di Torino di oggi ): nemici fra il popolo ( ne

aveva nella sua stessa famiglia), gente che cercava di

abbatterlo, insidie di ogni tipo; popolo ribelle, nobili

superbi e vanitosi, amore per le ricchezze.

   

Però conclude: Dio ha parlato una volta, due volte: ho

udito questo: che il potere appartiene a Dio”. I potenti, i

ricchi, i politici possono fare pronunciamenti, discorsi e

accordi; lui stesso, come re, poteva governare e fare del suo

meglio. Ma Dio ha tutto in mano.

   

Il Salmo finisce con un’affermazione bellissima:

Gesù6

A Te pure, o Signore, appartiene la misericordia; poiché Tu

retribuirai ciascuno, secondo le sue azioni”.

Dio è potente, è amorevole e giusto. Un giorno metterà tutto a posto.

Bello, no? 

 

www.edizionicem.com

www.evangelopertutti.it

DOVE ME NE ANDRO’ LUNGI DAL TUO SPIRITO? E DOVE FUGGIRO’ DAL TUO COSPETTO? SE SALGO IN CIELO TU VI SEI; SE MI METTO A GIACERE NEL SOGGIORNO DEI MORTI , ECCOTI QUIVI.   Leave a comment

 

trono

O Eterno tu m’hai investigato e mi conosci. Tu sai quando mi seggo e quando

m’alzo, tu intendi da lungi il mio pensiero . Tu mi scruti quando cammino e

quando mi giaccio, e conosci a fondo tutte le mie vie. Poiché la parola non è

ancora sulla mia lingua , che tu, o Eterno, già la conosci appieno. Tu mi stringi

di dietro e davanti, e mi metti la mano addosso. Una tal conoscenza é troppo

meraviglioso per me, tanto alta, che io non posso arrivarci. Dove me ne andrò

lungi dal tuo spirito? e dove fuggirò dal tuo cospetto? Se salgo in cielo tu vi

sei; se mi metto a giacere nel soggiorno dei morti, eccoti quivi. Se prendo le

ali dell’alba e vo a dimorare all’estremità del mare, anche quivi mi condurrà la

tua mano, e la tua destra mi afferrerà. Se dico: Certo le tenebre mi

nasconderanno, e la luce diventerà notte intorno a me, le tenebre stesse non

possono nasconderti nulla, e la notte risplende come il giorno; le tenebre e la

luce son tutt’uno per te.

donna84

Poiché sei tu che hai formato le mie reni, che m’hai

intessuto nel seno di mia madre. Io ti celebrerò, perché sono stato fatto in

modo meraviglioso, stupendo. Meravigliose sono le tue opere e l’anima mia lo

sa molto bene. Le mie ossa non t’erano nascoste, quand’io fui formato in

occulto e tessuto nelle parti più basse della terra. I tuoi occhi videro la massa

informe del mio corpo; e nel tuo libro erano tutti scritti i giorni che m’erano

destinati, quando nessun d’essi era sorto ancora. Oh quanto mi son preziosi i

tuoi pensieri, o Dio! Quant’é grande la somma d’essi! Se li voglio contare, son

più numerosi della rena; quando mi sveglio sono ancora con te. Certo, tu

ucciderai l’empio, o Dio; perciò dipartitevi da me, uomini di sangue. Essi

parlano contro di te malvagiamente; i tuoi nemici usano il tuo nome a sostener

la menzogna. O Eterno, non odio io quelli che t’odiano? E non aborro io quelli

che si levano contro di te? Io li odio di un odio perfetto; li tengo per miei

nemici.

cuore0

Investigami, e conosci il mio cuore. Provami, e conosci i miei pensieri.

E vedi se v’è in me qualche via iniqua, e guidami per la via eterna. (Salmo139:1a24).

www.evangelopertutti.it

“L’ETERNO HA GUARDATO DAL CIELO PER VEDERE SE VI E’ UNA PERSONA INTELLIGENTE, CHE RICERCHI DIO”. (Salmo14:2)   Leave a comment

 

 

Gesù49

Si racconta che Diogene, il celebre filosofo greco, passeggiasse in pieno

giorno con una lanterna accesa dicendo: “ Cerco un uomo “. Cercava un 

uomo vero, ma non ne trovò nessuno che fosse degno di portare questo nome. 

Tutti coloro che incontrò erano dei peccatori imperfetti.

  

Lo scienziato Einstein affermò: “ L’unico vero problema in ogni tempo si

trova nel cuore nei pensieri dell’uomo. Non si tratta di un problema fisico,

ma morale. Non è la potenza esplosiva di una bomba atomica che ci

spaventa,ma la potenza della malvagità del cuore umano”.

Un giorno, circa 2000 anni fa, per le strade d’Israele, si è trovato un uomo

perfetto, Gesù Cristo,. Egli è l’unico, è il Salvatore del mondo. La Sua vita fu

santa e pura e spesa per gli altri. La Sua morte unica ebbe un significato

diverso: Egli non morì per Sé, ma per i nostri peccati; risuscitò vincitore 

sulla morte ed è vivente oggi. 

“ Che diremo dunque a queste cose? Se Dio è

per noi, chi sarà contro di noi? Colui che non ha risparmiato il proprio

Figliuolo, ma l’ha dato per noi, come non ci

donerà egli anche tutte le cose con lui? Chi accuserà gli eletti di Dio? Iddio è

quel che li giustifica. Chi sarà quel che li condanni? Cristo Gesù è quel che è

morto; e, più che questo, è risuscitato; ed è alla destra di Dio; ed anche

intercede per noi”.(Romani 8:31)

 

www.evangelopertutti.it

 

www.edizionicem.com

 

SEI SPENTO O ACCESO? UN GIORNO GESU’ ESCLAMO’: “ IO SONO LA LUCE DEL MONDO; CHI MI SEGUE NON CAMMINERA’ NELLE TENEBRE, MA AVRA’ LA LUCE DELLA VITA” (GIOVANNI 8:12)   Leave a comment

“… Chi cammina nelle tenebre, non sa dove va. Mentre avete la luce

credete nella luce, affinché diventiate figli di luce”(Giovanni12:35,36)

Gesù (5)

SEI SPENTO O ACCESO?

 

 

interruttore

La luce è una gran bella cosa e te ne accorgi soprattutto quando viene a

mancare. ma c’è una “ luce”, che potremmo definire INTERIORE,

che è ancora più importante e preziosa. Pensaci un attimo, hai

mai notato quante persone attorno a te sono SPENTE? I motivi sono diversi:

a volte sono tristi e vuoti perché sono SOLI; altre volte perché hanno subito

una disgrazia; in altri casi sono in crisi perché sono stati piantati da chi li

amava; qualcuno è disperato perché non trova lavoro o casa; ecc.,  ecc..

Ma se sei un buon osservatore avrai notato che molte persone

apparentemente stanno bene, hanno tutto, eppure sono depresse, SPENTE, il

segreto per star bene, dentro, interiormente, c’é, e ti assicuro che quando

stai bene dentro va tutto meglio anche in casa, al lavoro, con gli altri.

Il segreto per star bene davvero, per avere pace, e gioia, non è una

medicina, non è un conto in banca, non è un libro o una filosofia ma è una

PERSONA! Un giorno Gesù esclamò: “Io sono la luce del mondo; chi mi

segue non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita” ( Giovanni

8:12). Gesù ha sempre mantenuto le Sue promesse, perché è il Figlio di Dio,

perché è la Verità assoluta e perché ci ama.

Ma in che modo Gesù può risolvere i miei problemi e illuminare la mia

vita? E’ semplice, il tuo problema di fondo è un problema spirituale,

interiore, perciò SOLTANTO GESU’ può intervenire nel profondo del tuo

cuore e riconciliarti col Padre, darti pace e serenità.

Io ero molto scettico tempo fa, ma volli provare. La mia vita era davvero

vuota e insoddisfatta, mi sembrava proprio di camminare al buio, senza

sapere dove andare, perciò chiesi a Gesù “ la vera luce” (Giovanni 1.9) di

entrare nella mia vita e di guidarla Lui. fu un’esperienza straordinaria,

sentì per la prima volta che Gesù non è una religione o un personaggio

storico, ma è risorto e vivente. Egli ha riempito letteralmente di luce e gioia

il mio cuore, buttando fuori tutto il marciume che c’era e da allora so bene

cosa significa avere la luce della vita (Giovanni 1:4)! Non sono diventato un

religioso ( in genere sono più “spenti” degli altri), sono diventato un figlio

di Dio come tanti altri miei amici che con me godono questa nuova vita con

Gesù Cristo, la Luce del mondo.

www.evangelopertutti.it

ORME SULLA SABBIA – GESU’ DISSE: ED ECCO, IO SONO CON VOI TUTTI I GIORNI, SINO ALLA FINE DELL’ETA’ PRESENTE.( MAtteo28:20)   Leave a comment

 

 

Orme sulla Sabbia

orme

Ho sognato che camminavo in riva al mare con il

Signore e rivedevo sullo schermo del cielo tutti i

giorni della mia vita passata. E ogni giorno orme4

trascorso apparivano sulla sabbia due orme: le

mie e quelle del Signore. Ma in alcuni tratti ho

visto una sola orma, proprio nei giorni più difficili

della mia vita. Allora ho detto: “ Signore, Io ho

scelto di vivere con te e tu mi avevi promesso che

saresti stato sempre con me.

Perché mi hai lasciato solo nei momenti più

difficili?”.

E Lui mi ha risposto: “ Figlio/a, tu lo sai che io ti amo

e non ti abbandonerò mai: i giorni nei quali c’è

soltanto un’orma sulla sabbia sono proprio quelli

in cui io ti ho portato in braccio”.

M. Fishback Powers

orma sulla sabbia 

 …E fu loro Salvatore. In tutte le loro distrette egli stesso fu in distretta, e

l’angelo dell’Eterno li salvò; nel suo amore e nella sua longanimità egli li

redense; se li tolse in ispalla, e sempre li portò nei tempi andati. (Isaia 63:9)

 

 

www.evangelopertutti.it

 

 

“Una buona notizia da un paese lontano è come acqua fresca a una persona stanca e assetata”(Proverbi 25:25)   Leave a comment

lettera

Una Buona notizia

Quale sollievo quando ci viene detto che si è risolta

positivamente una problematica per amici o cari

lontani, una difficoltà che sfuggiva alle nostre

possibilità di controllo. Ricevere una buona notizia

è sempre piacevole, capace di rinfrancare il cuore e

sollevare l’anima. Purtroppo, siamo costretti a

constatare che nel bilancio della vita spesso le cattive

notizie superano per quantità ed importanza quelle

buone. Eppure c’è una gloriosa notizia che vale

per ogni giorno della vita e conduce nella

beatitudine eterna: l’evangelo della grazia di Dio,

la Buona Novella che rinfresca ogni cuore

assetato e rinforza ogni anima affranta.

Cristo è venuto sulla terra dal cielo per cercare e

salvare gli uomini che hanno smarrito lo scopo per

cui sono stati creati da Dio, cioè l’eterna 

comunione con Lui.

Ti senti perso nelle tue difficoltà, stanco degli

affanni della vita, deluso da te stesso e dagli altri?

Invoca oggi stesso con tutto il cuore il Signore,

chiediGli  perdono per i tuoi peccati, lasciandoti

raggiungere dalla Sua Grazia. Una vita

spirituale nuova ed esuberante germoglierà in te e

tu vivrai con il Signore per l’eternità. Questa è

veramente la più grande buona notizia, la migliore

che tu possa mai ricevere.

www.assembleedidio.org

croce (3)

Pubblicato 16 ottobre 2010 da annarellapelliccia in Senza categoria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: