“LA TUA PAROLA E’ IL MIO CONFORTO NELLA MIA AFFLIZIONE; ESSA MI VIVIFICA” ( Salmo 119:50 )   Leave a comment

donna367

La presenza di Dio nella sofferenza

di ADOLFHE HUNZIKER

Un fanciullo ammalato ha bisogno della presenza della

mamma accanto a sè. Tutti ci ricordiamo di quand’eravamo

fanciulli e, costretti a una prolungata immobilità nel nostro

lettuccio, d’esserci improvvisamente destati, dopo un lungo

stato di sopore, e d’aver detto, con un senso di paura nella

nostra debole voce: “ Mamma, mamma! Sei qui?” La

semplice presenza della mamma bastava a ridarci la pace.

Una madre non si rifiuta mai di accorrere al capezzale del

figlio, quando questi ha bisogno di lei.

Spesso, nel mio ministero, sono stato testimone di quel che

può valere per un ammalato, ma anche per un uomo vigoroso

e sano, quando l’afflizione lo abbia colpito, il semplice tocco

di una mano amica, il segno concreto di una presenza

fraterna. La solitudine, infatti, è come una prova nella prova,

che accresce il tormento della sofferenza. Ma proprio in quei

momenti, lo abbiamo detto, il Signore Iddio si rivela con

maggior potenza. Quand’eravamo stanchi, sconfortanti,

senza risorse, sul punto di far naufragio come i discepoli sul

mare in burrasca, Gesù, come allora, ci ha subito

raggiunti.Abbiamo udite le sue parole: ” State di buon animo,

sono io, non temete!” ( Marco 6:50 ). No, Dio non è lungi da

noi. Si chiama “Emmanuele”, il che significa “ Dio con noi”. La

sua solenne promessa non è nuova,essa giunge a noi dai

tempi antichi: Così parla l’Altissimo che abita l’eternità, e

che ha un nome santo: Io dimoro nel luogo alto e santo, ma

sono con colui che è contrito ed umile di spirito” ( Isaia 57:15).

E questa promessa solenne, di rimanere con l’uomo

contrito e penitente, Gesù Cristo l’ha rinnovata, quando ha

proclamato ai suoi discepoli di tutte le epoche: “ Ecco, io

sono con voi tutti i giorni, fino alla fine dell’età

presente” ( Matteo 28:20 ). Egli è stato ed è sempre fedele!

Ora affermiamo meglio perché, proprio nell’afflizione, l’uomo

ricerca Dio. E questo avviene perché Dio lo ha cercato per

primo. Ha preso Egli stesso l’iniziativa dell’incontro con il

genere umano.

Come i due discepoli lungo la via di Emmaus, la sera della

prima Pasqua cristiana, così per noi la presenza di Dio nelle

nostre afflizioni ci rincuora e ci consola. Il suo amore non

permetterà che siamo provati al di là delle nostre forze ( I

Corinti 10:13 ). Nel giorno della prova, Egli ce ne libererà, o

ci darà la grazia di sostenerla: Vi darà anche la via di

uscirne, onde la possiate sopportare”, e questo perché egli è

buono, e la sua benignità dura in perpetuo” ( Salmo100:5 ). 

Qui siamo veramente al polo opposto del concetto che vede

in Dio un sovrano insensibile alle nostre miserie e alle nostre

afflizioni. La Bibbia dice che Dio è misericordioso, l’esperienza

ce lo conferma. Ora, “ misericordioso” significa “ colui che ha

un cuore sensibile alla miseria altrui”. La beatitudine

dell’Evangelo  è  chiara: beati i misericordiosi, coloro che

hanno un cuore sensibile alla miseria altrui. Invero, lettor

mio, nessuna delle tue afflizioni lascia indifferente il nostro

Padre celeste. A chi piange, non scrive egli queste parole:

Ho veduto le tue lacrime” ( Isaia 38:5 )? E queste: “ Mi

chiamo: colui che ti vede” ( Genesi 16:13 ).

Un cosa è indubitabile: nella nostra afflizione, Dio non ci

dimentica, ma pensa a noi! Ecco ancora alcune parole tratte

dalla sua lettera di simpatia, la Bibbia: Quand’anche i monti

s’allontanassero e le colline fossero rimosse, l’amor mio non

s’allontanerà da te” ( Isaia 54:10)

O Dio e Padre, davanti alla sofferenza umana tu non sei un

Dio indifferente e distratto. Tu conosci la nostra condizione e

la tua simpatia ci raggiunge. Ti ringrazio per la tua lettera, ne

ricevo del bene. Perché innumerevoli sventurati non vogliono

neppure aprirla? Io la leggerò e la rileggerò, il mio cuore ne

rievocherà i misericordiosi accenti: “ La tua Parola è il mio

conforto nella mia afflizione; essa mi vivifica” ( Salmo 119:50 )

 

Annunci

Pubblicato 19 aprile 2012 da annarellapelliccia in Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: